"Lasciate che chi non ha voglia di combattere se ne vada. Dategli dei soldi perche' acceleri la sua partenza, dato che non intendiamo morire in compagnia di quell'uomo. Non vogliamo morire con nessuno ch'abbia paura di morir con NOi!"
Enrico V-William Shakespeare

venerdì 7 agosto 2009

Conferenza Stampa

Il Presidente del Consiglio, Ha attaccato Rai Tre senza crearsi problemi ,dicendo che ieri il
T.G. 3 ha aperto con 4 titoli contro il Governo


Conferenza stampa sul bilancio del governo: "Nessuno ha mai fatto tanto in 14 mesi"
"Bene la legge per la sicurezza, aumenteremo il numero dei militari per l'ordine pubblico"

Berlusconi: "L'Italia è prima per la ripresa
La Rai non può attaccare il governo"

"Contro di me continuano le calunnie, non sono ricattabile"


Berlusconi: "L'Italia è prima per la ripresa La Rai non può attaccare il governo"

Silvio Berlusconi

ROMA - "L'Ocse dice che l'Italia è prima in Europa per segni di ripresa: il superindice italiano è salito di 4,8 punti percentuali a 103,3. La Francia è seconda a 2,7%. E' una buona notizia che va nella direzione della fiducia che, insisto, deve sempre esserci per uscire da questa crisi". Così il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha aperto la conferenza stampa a Palazzo Chigi sul bilancio dei primi quattordici mesi di legislatura. Quasi un'ora di monologo, poi le domande dei giornalisti.

Il premier ha elencato i diversi provvedimenti varati dal governo: dalla riforma del processo civile al piano casa, dalla legge sulla sicurezza - a proposito della quale ha detto che sarà aumentato il numero dei militari addetti al mantenimento dell'ordine - al federalismo fiscale, alla riforma della scuola, alla chiusura della questione coloniale con la Libia.

Senza nascondere la propria soddisfazione: "Credo che nessun governo abbia fatto tanto in 14 mesi di vita". Lanciando un monito alla Rai e alla stampa, colpevole di orchestrare "una campagna di calunnie". Ad una giornalista del Tg3, cui il premier ha rinfacciato di lavorare per una testata che "ieri ha dato quattro titoli contro il governo", ha risposto dicendo "Questo non lo possiamo più sopportare. Il mandato della tv pubblica non può essere quello di attaccare il Governo".

IL VIDEO: L'ATTACCO AL TG3

Pace sociale garantita. Con l'arrivo della crisi economica "siamo riusciti a garantire la pace sociale, mettendo da parte 34 miliardi per gli ammortizzatori sociali e allargando le categorie, e oggi non c'è nessuno in Italia che perde il posto di lavoro", dice Berlusconi, ricordando di aver mantenuto la promessa di "non lasciare indietro" nessun cittadino.


Sicurezza, aumenterà il numero dei militari. Il premier sottolinea positivamente la scelta di utilizzare i militari nelle città. "Continueremo su questa strada - dice Berlusconi - aumenteremo e fortemente la presenza dei militari impegnati nell'ordine pubblico".

Chiusa la questione coloniale con la Libia. "Abbiamo chiuso la questione coloniale con la Libia. La festa delle vendetta è diventata la festa dell'amicizia. Ci sono già ottimi risultati per i nostri imprenditori, a partire da Finmeccanica ed Eni", dice ancora il presidente del Consiglio, parlando degli impegni realizzati sul versante estero.

Scuola, una riforma di buon senso. Per la scuola il governo italiano ha fatto ''una riforma di buon senso''. Nonostante "molti abbiano mandato i bambini in strada a protestare - ha sottolineato Berlusconi - la riforma e' molto apprezzata da maestri e famiglie''.

Ritorno al nucleare. Il ritorno al nucleare è stata una decisione importante da parte del governo, dice Berlusconi. "Stiamo stipulando importanti accordi con chi ha il know-how".

La Rai e il Tg3. Brusca risposta a una giornalista del Tg3. "Lei appartiene a una testata che ieri sera ha fatto quattro titoli di contrasto. Ne approfitto per dire che il servizio pubblico non dovrebbe attaccare né me né il governo, né l'opposizione". La cronista le aveva fatto una domanda sulla sorpresa del governo turco per la sua presenza al momento della firma dell'accordo sul gas fra Erdogan e Putin.
''Ho fatto una grande attivita' su mandato esplicito di Putin nei confronti di Erdogan e di Erdogan nei confronti di Putin. In piu', eravamo molto interessati perche' l'Eni e' presente con South Stream e con l'oleodotto. Se questo non e' un grande successo lo dica lei''.

"Solo calunnie contro di me".
"Non ho niente di cui vergognarmi, si tratta solo di calunnie. Non ho scheletri nell'armadio non sono ricattabile. L'intervista a mia figlia Barbara? Il suo discorso è stato estrapolato, mi vuole molto bene"
fonte La Repubblica

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina